ANTENNA PSICHICA

È la componente del MetT tramite cui qualsiasi uomo può interagire con l’Oltre; unisce punto di individuazione a ghiandola pineale e permette la medianità. Ricordate? La medianità dipende dalle condizioni del 7° chakra, dall’antenna psichica e dalla qualità della ghiandola pineale, o epifisi.

Pensate all’esempio più comune, quello per cui certe persone “sentono dentro” di dover fare o non fare un qualcosa: frenare o sterzare se si è in macchina, non partire con quella nave, non salire su quell’aereo, scegliere quella certa opzione (non raggiungere le Twin Towers di New York nell’ora dell’attentato, ma starsene ben lontani a impigrire). L’aver ascoltato quella certa sensazione, anche se apparentemente immotivata, ha salvato loro la vita, oppure ha permesso di migliorarla grandemente. Da dove è piovuta quella sensazione?

Da una interazione offerta, attraverso l’antenna psichica, da chi ci è accanto su di un altro piano di esistenza e che è in grado di aiutarci; a seconda dello stato di necessità, dell’evoluzione individuale e della condizione genetica della pineale (o epifisi) il suggerimento potrà esprimersi più o meno chiaramente. Nei dovuti modi potrà trasformarsi in una sorta di “telefono casa”.

Nel mondo anglosassone è stato definito channelling e viene messo a disposizione nei centri di teosofia da medium selezionati con criterio (da persone a loro volta preparate e sulla base di una effettiva validità).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *