BUGS BUNNY

Ho nominato i centri di teosofia e questo mi ha fatto ricordare un aneddoto di tanti anni fa.

Una signora aveva una massa tale di allergie e intolleranze da stupire persino gli specialisti medici da cui il marito, medico a sua volta, l’aveva fatta visitare. Infelicitata dalla fame e dalla debolezza continuava a cercare una soluzione al diventare una breatharian (quelli che vivono di respiro e di acqua) o un coniglio come Bugs Bunny (il suo corpo, bontà sua, accettava volentieri le carote  crude).

Dato che il MetT ha tra le proprie funzioni quella di distribuire energie di sostegno e nutrimento (non  metaboliche), le avevo consigliato di studiare le energie sottili per avere nuove risorse. Aveva seguito il consiglio e aveva preso il primo livello di Reiki, con benefici sulla resistenza e sul buonumore. Potendo finalmente reggere i ritmi di un ufficio aveva cominciato a lavorare. Cambiata la sede di lavoro, per evitare il pigia pigia nell’underground (viveva a Londra) aveva deciso di usare la macchina e aveva trovato sempre un posto dove posteggiarla.

Un giorno aveva dato un passaggio a un collega e questi era restato di sasso nel vedere dove aveva parcheggiato. Quando lo aveva raccontato ad altri, il commento  era stato umanime: “Assolutamente impossibile”. Che fosse un segno? Aveva fatto caso all’edificio di fronte al quale sembrava esserci sempre un posto riservato per lei e aveva notato la targa: sede della società teosofica! Lì venivano messi a disposizione dei medium di provata rettitudine. Le sembrava di essere stata chiamata e lì sarebbe andata, con effetti (positivi) che però appartengono a un’altra storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *