CORPI SOTTILI O METT SONO CAMPI MAGNETICI ANNIDATI

I corpi sottili o MetT sono campi magnetici annidati, cioè l’uno dentro l’altro. Ci sono arrivata col tempo, dopo essere stata intrigata dalle domande che mi ponevano dopo le conferenze. Dato che avevo avuto il dono di una percezione diretta degli accessi dei corpi sottili o MetT sul corpo, avevo continuato ad approfondire quello che percepivo, senza prendere in considerazione altro, mi sembrava ci fosse già abbastanza trippa per gatti…

Ma se i corpi sottili o MetT non erano doppioni del corpo fisico, che “forma” potevano avere? La forma ad uovo dell’aura era limitata alla frequenza della dimensione aurica; ma la dimensione harica, l’arco matrice e la stella nucleo? Sapevo solo che erano a frequenza crescente. E poi? Avevo lasciato decantare il tutto fino a che le idee avevano cominciato a organizzarsi (idee, intuizioni e conoscenze)

Dall’Oltre noi saremmo visti in termini di luce (da noi c’è chi legge le note, chi le espressioni, chi il cielo dell’oroscopo). La luce è sempre accompagnata dall’elettromagnetismo e l’uomo emette un campo magnetico…                                 Mi ero ricordata del campo unificato del controverso Dan Winter e dei suoi studi sulla coerenza cardiaca. Studi che, sperimentati e confermati dall’Università di Princeton,  avevano portato alla nascita dell’Hearth Math Institute: andando a rileggere avevo trovato il logo dell’istituto, che avevo anche pubblicato nel mio libro “IL MEDIATORE. IL PONTE DIMENTICATO TRA ANIMA E CORPO”: rappresentava un uomo dentro a un toroide, che è come si esprime un campo magneticoEcco lì come dovevano essere “organizzati” lorsignori! I corpi sottili o MetT sono campi magnetici annidati!

Ma intorno al toroide del corpo fisico, ce ne sono altri quattro, la dimensione aurica, harica, dell’arco matrice e della stella nucleo. Uno dentro all’altro, annidati. Come non averci pensato prima?!

Continua…

Il campo magnetico è stato reso visibile nell’800 da Michael Faraday, che ideò il noto esperimento della limatura di ferro: questa viene disposta su un tavolino sotto al cui piano è posto un magnete. La polvere ferrosa si dispone secondo le linee di forza della sorgente magnetica.

Su Dan Winter cfr Irvin Dardick: soulinvitation.com/holarchy         e            soulinvitation.com/12strands

2 Comments Add yours

  1. Umberto Orfeo ha detto:

    Non sono uno scienziato, ma da anni seguo i lavori del Prof. Corrado Malanga, ed anche lui è arrivato alla stessa conclusione, fino a provare quello che afferma nelle sue pubblicazioni.
    Nei sui ultimi lavori spiega lo ZERO POINT ENERGY, un toroide in cui il campo elettrico, quello magnetico e quello gravitazionale convergono al centro del toroide creando ZPI.
    GRAZIE

    1. amicomett ha detto:

      grazie a lei umberto, cercherò le pubblicazioni del prof Malanga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *