I CORPI SOTTILI O METT

I corpi sottili o MetT che integrano il corpo fisico comprendono quattro dimensioni: la dimensione aurica, collegata principalmente alle emozioni e alla volontà; la dimensione harica, collegata all’intenzione e al ricordo; la dimensione dell’arco matrice, in cui tre energie specifiche, collegate al tempo del concepimento e al luogo della nascita, scorrono in un flusso a tre vie che resta inalterato per tutta la vita; dalla dimensione dell’arco matrice dipendono la genetica spirituale (cioè come viene fissata nel nuovo essere il temperamento dell’anima) e molte altre funzioni; la dimensione della stella nucleo, connessa all’evoluzione spirituale, all’espressione delle potenzialità (quello che si desidera di più), ai vincoli… e al loro possibile superamento. Dalla dimensione aurica in su ogni dimensione è a frequenza crescente (e  superiore a quella del corpo/mente, per questo le quattro dimensioni  sono percettibili coi sensi interni e non con quelli esterni).

Potreste paragonare parte delle funzioni dei corpi sottili o MetT, a quelle dell’atmosfera terrestre, le cui fasce a diversa pressione e temperatura avvolgono il pianeta, proteggendolo e mediando le energie provenienti dal sole e dal cosmo.

In ogni individuo queste quattro dimensioni (quattro e non tre, quella dell’arco matrice l’ho aggiunta io) e cioè dimensione della stella nucleo, dimensione dell’arco matrice, dimensione della linea harica e dimensione aurica coesistono col corpo/mente e hanno la funzione principale di mediare le energie inviate dall’anima con le caratteristiche volta per volta necessarie all’individuo (formazione e sostegno, informazione e suggerimento, protezione e nutrimento ecc.)

Ognuno dei corpi sottili del MetT ha precise componenti e specifici scopi e permette quel continuum di interazioni in cui siamo immersi chiamato olismo: l’olismo  è condiviso a livello dei corpi sottili più che a livello fisico. Non per nulla è “sentito” dalle persone più sensibili e altruiste, che si stanno muovendo – per ora senza coordinazione- anche nella direzione del non umano: chi a difendere gli animali, dalle api ai maiali, chi i boschi,  chi l’acqua… Sentono intimamente che anch’essi vanno rispettati .

Rispettare il creato aderendo alla legge di armonia che lo regge rientra nel progetto dell’anima, che a tal fine si avvale dei corpi sottili o MetT,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *