GERONIMO!!!

GERONIMO!!!

Un mattino sento mio marito urlare dal giardino: Koska noo! Era il gatto-matto che stava gettandosi su un albero dove tubava  – o come si dice – una tortorella.  Geronimo!!!  Ma non era uno scoiattolo volante e l’albero era a diversi metri di distanza dal davanzale della finestra…  Per fortuna il ramo si era piegato, avvicinando l’incosciente alla terra e con buona pace dell’uccello.  Koska era ancora un cucciolo e, sino ad allora, si era allenato solo con un pellicano di peluche. In quel periodo il veterinario ci aveva fatto “l’abbonamento caffè”, tanto spesso andavamo da lui con il pelosino acciaccato.

Per gli eventuali lettori millennials, Geronimo era il grido di battaglia nei Peanuts che leggevo da ragazza.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *