IL CIRCUITO DELLA PROVVIDENZA

Il circuito della provvidenza si innesca per tutti coloro che aderiscono alla legge di armonia.

Mi rendo conto che  affermazioni così perentorie sembrano troppo fideistiche; così come riconosco di vivere in maniera insolita rispetto alla media delle persone. Succede perché me lo permetto, o perché sono consapevole del sistema? In effetti dopo un impegnativo “master in armonia”, ascolto senza resistenze interiori o preconcetti i codici delle anime, che siano segni sogni simboli coincidenze o altro e cerco di dar loro un seguito. Da qualche parte conducono sempre. Spesso inaspettatamente e questo è il bello!

Quando rendersi disponibili alle necessità altrui diventa un connotato naturale del vivere, diviene automatico anche il ricevere, poiché si finisce con l’entrare in un circuito che provvede ampiamente al necessario (dell’anima però, non del conto in banca). In ambito cristiano la chiamano Provvidenza.
Il circuito della provvidenza indica un percorso… circolare, che in termini di corpi sottili o MetT riguarda una partenza dal 4° chakra anteriore e un arrivo al 4°posteriore!

Poichè il 4° chakra  anteriore e posteriore è preposto a permettere il circuito individuo/mondo, quando il soggetto esprime amorevolezza emette una energia d altissima frequenza dal 4° chakra (che è in corrispondenza del cuore, ma in una dimensione a frequenza superiore e per questo non visibile ai sensi esterni). Tale vibrazione, amplificata, gli ritorna dal 4° chakra posteriore che, se aperto ed efficiente, nutre la volontà di accettare l’aiuto degli altri. Non necessariamente questi “altri” saranno le persone amate o beneficate, da cui niente bisogna aspettarsi, altrimenti l’amore sarebbe sottoposto a condizioni, tipo “ti do se mi dai”. Potrà trattarsi di una inaspettata carica di benessere, o di una vena di allegria, o di un incontro, o di possibilità in direzioni insospettate, come delle porte alla cui soglia affacciarsi.
La naturalità con cui il circuito della provvidenza si esprime e le possibilità che dischiude andrebbe sperimentata! Siamo molto più che una mente  in un corpo e non siamo mai soli. E non posso farci niente se un’uguale affermazione è stata banalizzata per pubblicizzare la serie di Gotham City.                                       Ci sono “effetti speciali” di varia natura, ma di alcuni si è persa, con la memoria, l’evidenza ed il conforto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *