CODICI DELL’ANIMA: SINCRONICITA’

Tra i codici che l’anima utilizza per dare il suo contributo a chi si è dimenticato di lei, uno colpisce particolarmente quando si verifica, anche se non lo si sa attribuire; si tratta di coincidenze improvvise e inaspettate, che si fanno notare sia perché sembrano al di fuori di una catena di causa ed effetto rintracciabile sul nostro piano, sia perché lasciano frastornati e stupiti, ma felicemente.
Sono famose nella denominazione data da Carl Gustav Jung sincronicità, “la contemporaneità di due eventi collegati in base al senso, ma in modo acausale” (si parla di eventi che hanno attinenza col quotidiano), ma erano già state notate e studiate da chi si applicava alla scienza dello spirito. Pensate che gli antichi egizi ne avevano tratto la cosiddetta legge del tre: quando un qualcosa di non provocato si ripeteva tre volte di seguito quel qualcosa non era casuale, bensì necessario ad attirare l’attenzione, secondo la genesi di ogni interesse:
– attenzione ad un argomento
– consapevolezza del contenuto dell’argomento
– coscienza del contenuto

Prestate particolarmente attenzione quando tali sincronicità si reiterino tre volte e nel breve: servono a ribadire l’importanza o l’utilità di seguire la via segnalata, o di aprire la porta appena dischiusa su una possibilità inesplorata.

Non avrete niente da perdere e potreste avere molto da guadagnare!!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *